vico-rivaverede-2.jpgIl lago di Vico è oggi uno dei laghi più belli ed integri d'Italia caratterizzato da una morfologia unica e da una coltre di verde che si estende da valle sui tutti i rilievi circostanti. La storia della valle del Lago di Vico è legata a leggende ed alla mitologia che vuole Ercole artefice della formazione del lago di Vico.

In realtà, ciò che oggi si vede è la testimonianza di una lunga attività vulcanica del vulcano Vicano che modellò tutto il territorio circostante fino al Tevere.
L'esplosione del cono principale e il suo sprofondamento diedero origine a una caldera relativamente estesa al cui interno emerse un piccolo cono lavico, l'attuale Monte Venere.

 

mt_ignore

Terminata l'attività vulcanica, le sorgenti sottostanti e le grandi piogge formarono il lago, ed il Monte Venere divenne un'isola che rimase per millenni abbracciata dalle acque del lago.
Col tempo, la valle e i crinali si ricoprirono di una fitta estensione di impenetrabili boschi.
La zona rimase inesplorata per milleni fin quando i Romani espugnarono la città etrusca di Sutri ed inseguirono gli etruschi fuggiaschi nella Selva Cimina. Solo allora si addentrarono in  quella selva impenetrabile, mai esplorata perché ritenuta abitata da demoni. 

Tito Livio la descriveva così: ”Era in quel tempo la selva Cimino più impraticabile e spaventosa (invia atque orrenda) di quanto non lo siano oggi le foreste della Germania e nessuno fino allora vi era penetrato, neppure i mercanti, né ardiva qualcuno entrarvi”.
I Romani tracciarono il percorso della consolare Cassia che da Roma scavalcava il crinale a sude-est ed attraversava la valle del lago per risalire e scavalcare il crinale nord ad 800 metri sul livello del mare. 


La fisionomia di quelle trasformazioni geologiche è tutt'ora riconoscibile dai crinali della conca craterica che circoscrivono il lago e quelle foreste ricoprono ancora oggi i crinali fino a valle, dove prevale la coltura del nocciolo. 
La zona pianeggiante della valle è molto fertile ed è l'estensione venuta alla luce con l'abbassamento del livello del lago attraverso un emissario sotterraneo scavato dagli Etruschi e successivamente ampliato dai Farnese, signori di Caprarola e Ronciglione.

Dopo l'istituzione della Riserva Naturale del lago di Vico, nel 1982, sono subentrati vincoli paesaggistici ed ambientali che hanno sottratto il territorio alla cementificazione selvaggia facendone uno dei luoghi più belli d'Italia.
Tutto l'anno, il lago offre scenari unici che variano continuamente grazie alla ricca presenza di ambienti naturali, come il canneto che costeggia buona parte delle sponde, la palude, una delle più estese del Lazio, habitat naturale per molti uccelli acquatici tra stanziali e migratori che in primavera nidificano nella giuncaia.

mt_ignore


I boschi, tutti d'alto fusto ricoprono oltre mille ettari all’interno della conca craterica con esemplari secolari di querce e faggi. Questi ultimi crescono intorno ai 500 mt sul livello del mare, molto al di sotto della loro altitudine naturale grazie ad un clima oceanico che mantiene un perfetto microclima protetto dai crinali della caldera. Per questo motivo, la faggeta del lago di Vico viene chiamata "depressa".

b.130.100.16777215.0...images.stories.lago-di-vico.orchidea-vesparia.jpgInoltre, molte essenze vegetali minori tra cui numerose orchidee spontanee che  crescono nei vari ambienti, dalle radure ai fitti boschi (vai alla pagina delle orchidee), alcune molto rare.

Il lago di Vico è meta ideale per gli amanti della natura, per le famiglie in cerca di relax, per gli amanti della pesca,  per gli escursionisti e per i velisti più tenaci.

Per informazioni turistiche, giorni e vacanze e affitti contattate il nostro ufficio turistico: Tel 0761 647941


VISITE GUIDATE E GUIDE TURISTICHE

Per visite guidate nella Riserva del lago di Vico disponiamo di Guide Naturalistiche autorizzate Gae.
Guide per Gruppi, Scuole di qualsiasi fascia, Agenzie, Tour  Operator

Tel. 0761 647941 - 338 2042866
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.">

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.